Archivi tag: docenti

Investi anche tu in BOP! I nuovi Buoni Ordinari Pasto ti offrono rendimenti straordinari!

The story: se credevi che I buoni pasto fossero un benefit, hai sbagliato tutto: sono un prestito al consumo che ripaghi a un tasso di interesse di circa il 37%

Car* Colleg*,

come da oggetto, volevo segnalarti questa interessantissima opportunità di investimento.
Funziona così:

Continua a leggere

Annunci

Lo schiaffo del soldato

Nel gioco dello schiaffo del soldato tutti fanno attenzione ai due protagonisti: chi lo schiaffo lo riceve e chi lo dà. Ci si dimentica che tutti gli altri non sono semplici spettatori, sono complici. È l’immagine più vicina ai comportamenti del nostro Ateneo nei confronti dei precari e a ciò che la scorsa settimana è avvenuto in Commissione organico, presieduta dal pirandelliano Enrico IV Maltese, improvvisamente perdente la memoria sul fatto che il rettore ha promesso 120 posti per i precari, anzi che quella sarebbe la base minima da cui partire nella distribuzione delle risorse. Quando i rappresentanti dei ricercatori, dei precari Continua a leggere

E il dipartimento disse: puniamolo, vuole fare ricerca da solo!

Il mio dipartimento, Studi Storici, ha deciso che è vietato fare ricerca individualmente. Ha deciso che bisogna farla solo in gruppo e se qualcuno presenta un progetto individuale per i fondi locali ex 60 per cento non deve essere finanziato. Lo ha fatto in modo illegittimo (se volete capire perché dovete leggere fino in fondo) ma comunque lo ha fatto. Solo un docente ha pensato che fosse sbagliato e ha presentato domanda da solo, con il risultato di essere punito: quel docente sono io. Continua a leggere

Organico al sistema

di Silvia Pasqua.

Le Linee di Indirizzo per la Programmazione docente 2014-2019 e la Programmazione dei punti organico 2014 dell’Università di Torino sono state proposte dal Rettore (come prevede il nostro Statuto) e approvate dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle ultime sedute estive di luglio.

In allegato trovate il documento completo. Di seguito vi riporto i punti fondamentali, sui quali ho proposto alcuni emendamenti (bocciati dal CdA!) che mi hanno portato poi ad astenermi sul pacchetto complessivo.

Per quanto riguarda le Linee di indirizzo quinquennali i punti salienti sono: Continua a leggere

Una tantum, ultimo atto

Abbiamo atteso la scadenza per la presentazione della domanda per l’Una Tantum prima di commentare ciò che è accaduto nel nostro Ateneo nelle ultime settimane. Se nei mesi scorsi il Coordinamento Unito ha combattuto una battaglia semplicemente per rendere meno ingiusta l’applicazione di una norma del tutto iniqua, che ha legittimato un’idea del tutto distorta del “merito”, nei giorni appena passati abbiamo assistito all’ultimo atto di una farsa burocratica che potrebbe persino far sorridere se non mettesse in Continua a leggere

Alcune riflessioni sui due regolamenti per l’incentivo una tantum

I due regolamenti partono da una impostazione di fondo profondamente diversa.

La Proposta A individua una serie criteri “meritocratici” (in realtà meramente quantitativi) e mira a creare graduatorie di ateneo (una per i PO, una per i PA e una per i RU) che dovrebbero distinguere tra candidati più o meno “meritevoli” (la parola “merito” è tra virgolette in mancanza di una definizione inequivoca e condivisa del suo significato). Continua a leggere

Regolamento per l’attribuzione dell’incentivo “una tantum”: riassunto delle puntate precedenti

Le diverse norme che regolano il reintegro degli scatti stipendiali biennali per il 2011, 2012 e 2013 (che a suo tempo sono stati bloccati per legge e non assegnati) stabiliscono che il cosiddetto “incentivo una tantum” sia attribuito in modo distinto per le tre fasce.

Dato che lo scatto era biennale, coloro che avevano diritto allo scatto del 2011 hanno diritto pure a concorrere per lo scatto del 2013, mentre coloro che avevano diritto allo scatto del 2012 potranno concorrere soltanto per quell’anno. Appena approvato il regolamento, l’Ateneo pubblicherà tre bandi contenenti le informazioni necessarie per la partecipazione all’attribuzione e gli elenchi degli aventi diritto anno per anno. La distribuzione dell’incentivo in busta paga deve avvenire entro il 31 dicembre 2014. Continua a leggere