Lettera aperta del Coordinamento Precari al Rettore di UniTo sulla programmazione del reclutamento.

Torino, 7/04/2016

Magnifico Rettore,

Le scriviamo in relazione a un tema, quello del reclutamento, sul quale sappiamo che Lei è molto sensibile. Abbiamo apprezzato nei mesi scorsi i ripetuti gesti pubblici di appoggio alla nostra campagna #ricercaprecaria e al nostro #scioperoallarovescia, a partire dalla presenza Sua, del Prorettore e del Vice Rettore alla Ricerca all’iniziativa da noi organizzata in Rettorato il 29 Febbraio, per arrivare al Suo invito nei nostri confronti a partecipare alla Primavera dell’Università organizzata dalla CRUI il 21 marzo.

Come Lei saprà, questo lunedì 4 aprile una delegazione del Coordinamento Ricercatrici e Ricercatori Non Strutturati UniTO ha partecipato alla riunione della Commissione Organico di Ateneo in relazione alla discussione del punto “Modifica di programmazione del personale anno 2014 e programmazione anno 2015”. Nel corso della riunione, sono emersi alcuni elementi che ci hanno preoccupato molto. In primo luogo, la decisione contenuta nell’ultima Legge di Stabilità di svincolare il reclutamento degli RTDa dai punti organico. Ci appaiono poco chiare le possibili conseguenze di questa novità per l’ingresso di nuovi ricercatori e soprattutto ci appare oggi, ancor più di prima, a rischio la continuità delle loro future carriere. Temiamo infine che le nuove regole possano tradursi in un blocco nei concorsi RTDa nel nostro Ateneo, così come già avvenuto in altre sedi universitarie.

Queste novità legislative si inseriscono in un quadro già problematico e critico nel quale la tenuta della struttura del nostro Ateneo, così come le sue capacità di offrire una didattica adeguata e una ricerca di qualità, sono messe a dura prova: ricordiamo che, negli ultimi tre anni, il saldo di cessazioni netto del personale strutturato arriva alle 146 unità, e che da qui al 2020 si prevede che i pensionamenti privino la nostra Università di circa altri 245 docenti strutturati. Di fronte a questa contrazione del personale strutturato, la diminuzione dei concorsi da RTDa, così come i possibili futuri rischi di non conversione delle posizioni degli RTDa in posti da RTDb rischia di trasformarsi in uno scenario da incubo non solo per l’Ateneo, ma anche per i precari e le precarie che vi lavorano. Non solo ci troveremo di fronte al rischio di dover ridurre l’offerta didattica, ma anche al rischio di abbassare la portata della nostra ricerca, in quanto molti degli attuali assegnisti di ricerca vedono avvicinarsi il limite dei sei anni imposto dalla Legge 240/2010 senza avere la possibilità di partecipare a concorsi da RTDa che possano garantire continuità ai loro percorsi lavorativi.

Questo scenario assai poco promettente fa emergere la necessità di elaborare una pianificazione chiara e attenta del reclutamento, che tenga conto di tutte le criticità e che eviti di disperdere le risorse e il capitale umano accumulato dai tanti precari che oggi svolgono ricerca in Ateneo. Per questo motivo, abbiamo avanzato in Commissione la richiesta, che con questa lettera rinnoviamo direttamente a Lei, a stabilire uno spazio di dialogo fra tutte le componenti dell’Ateneo. Ci auguriamo che questa nostra richiesta possa essere accolta in maniera concreta attraverso la creazione di un Tavolo di lavoro congiunto fra Ateneo e precari sulle strategie di reclutamento future, in linea e continuazione con il percorso di collaborazione e dialogo fra il nostro Coordinamento e l’Ateneo già avviato a suo tempo con la precedente governance dell’Ateneo.

Di fronte a un’emergenza che non investe solo la nostra componente, ma tutto l’Ateneo nel suo complesso – ricordiamo che attualmente il personale non strutturato che si occupa di ricerca e didattica a UniTo supera in numero quello strutturato – pensiamo che creare un Tavolo di lavoro  – scelta che sta avvenendo anche in altri Atenei italiani – possa essere il modo migliore per poter affrontare il problema, collaborando insieme allo studio del problema e alla ricerca di soluzioni in un clima di collaborazione e reciproca comprensione.

In attesa di una Sua risposta, che naturalmente ci auguriamo positiva, porgiamo i nostri più cordiali saluti,

Coordinamento Ricercatrici e Ricercatori Non Strutturati UniTO

Annunci

Messo il tag:, , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: