L’ipotesi di accordo sulle Progressioni Economiche Orizzontali

A cura dei delegati RSU della CUB/SUR Massimo Cappelli, Stefano Demichelis, Silvia Landorno e Stefano Vannicelli

 

La RSU ha indetto una consultazione telematica sulla IPOTESI D’ACCORDO PEO (Progressioni Economiche Orizzontali). Per leggere l’ipotesi di accordo clicca qui.

Si potrà votare dalle giovedì 19/11 a martedì 24/11: ecco perché noi siamo d’accordo.

 

ERA NECESSARIA UNA REVISIONE RADICALE DEI CRITERI?

Sì, perché se fino al 2010 la PEO ha riguardato la stragrande maggioranza del personale, dal 2011 sono stati tagliati drasticamente i fondi necessari.

Sono solo 138 le persone passate nel 2011, 380 quelle del 2015.

Se la PEO non è più quella di una volta, anche i criteri non possono essere più gli stessi!

COSA PREVEDONO I NUOVI CRITERI?

L’introduzione della “Permanenza nella posizione economica”. Questo criterio favorisce chi è fermo da più anni, che avrà un punteggio più alto. Al tempo stesso permetterà di aumentare il numero delle persone coinvolte. Si introduce nei fatti un principio di rotazione nei passaggi PEO, principio da noi sostenuto fin dall’inizio.

Nel giro di 4 tornate PEO (giuridico 2011/economico 2015; 2015; 2016; 2017) potrebbe essere coinvolta un’alta percentuale di persone (molto dipenderà comunque dalla legge di stabilità).

QUALI SONO GLI ALTRI CRITERI?

Si ridimensiona il peso della formazione e dei titoli. L’anzianità di servizio viene rimodulata. Il “pagellino” rimane invariato.

PERCHÉ I FONDI SONO SUDDIVISI PER POSIZIONE ECONOMICA?

Nelle ultime PEO era molto disomogeneo il coinvolgimento delle varie posizioni economiche all’interno della categoria (vedi scheda in fondo). Così si supera questo limite e le posizioni economiche saranno coinvolte in modo più omogeneo.

Inoltre sono state distribuite risorse maggiori alla media alle posizioni B, C1 (in modo consistente), C2, C3, D1, D2. Questo non solo per il numero più consistente di persone su quelle posizioni economiche, ma anche perché negli ultimi anni la categoria C è stata penalizzata.

PERCHÉ NON C’È STATO L’INCREMENTO DEI FONDI?

La richiesta RSU di incrementare i fondi per la contrattazione integrativa si è scontrata non solo con la “cautela” dell’amministrazione quando si tratta del personale TA (anche se alla fine siamo riusciti a strappare un impegno “nei limiti di legge, a verificare ogni possibilità … , di incremento del fondo”), ma (come in tutti gli altri atenei) con un netto rifiuto dei Revisori dei conti e del MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze) a qualsivoglia incremento. Proprio contro questa posizione del MEF stiamo cercando di organizzare una iniziativa nazionale a Roma.

PERCHÉ UNA NUOVA CONSULTAZIONE DOPO QUELLA DI SETTEMBRE?

Lo scenario è cambiato. La distribuzione del fondo PEO sul salario accessorio è stata bloccata dai collegio dei revisori, sull’incremento delle risorse è intervenuto pesantemente il MEF. A quel punto, dopo aver chiesto unitariamente un intervento del rettore, la RSU ha deciso di percorrere la strada della ricerca di un accordo su un piano triennale PEO capace di rispondere positivamente alle esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori.

CON LA CONSULTAZIONE TRA COSA SCEGLIAMO?

Innanzitutto decide chi partecipa, quindi partecipa!

Se la maggioranza dei lavoratori e delle lavoratrici esprimerà un parere favorevole entro dicembre 2015 partirà immediatamente il bando PEO con i nuovi criteri e 380 persone avranno il passaggio di posizione economica dal 1/1/2015. Con le stesse regole verrà effettuata anche la PEO 2016 (nei primi mesi dell’anno prossimo) e, se non ci saranno novità contrattuali e governative, quella del 2017.

Se invece la maggioranza esprimerà un parere contrario si aprono due scenari: il primo è che non si faccia alcuna PEO e i fondi non vengano utilizzati. In questo caso però non solo si perderebbero per un anno 511mila euro, ma ci troveremmo l’anno prossimo nella stessa condizione: cosa fare con questi stessi fondi? Con quali criteri fare le PEO?

L’altra possibilità è che l’amministrazione proceda unilateralmente con le PEO, ma in questo caso con i vecchi criteri, in quanto questi possono essere modificati solo da un accordo sindacale. Questa sarebbe una vera beffa, perché quasi inevitabilmente ripasserebbe gran parte delle persone che hanno già goduto della PEO economica a partire dal 1/1/2015.

 

Confronto tra il peso dei criteri 2015 e quelli 2011

2015 2011 2015 2011 2015 2011 2015 2011
B B C C D D EP EP
a) FORMAZIONE 5 25 5 20 5 20 10 20
b) PAGELLINO 40 40 45 45 45 45 40 40
c) ANZIANITA’ 20 20 18 15 18 15 10 10
d) PERMAN. POSIZ ECON 30 0 22 0 22 0 22 0
e) TITOLI 5 15 10 20 10 20 18 30

Articolazione del peso della permanenza nella posizione economica

PERMANENZA
POSIZIONE ECONOMICA B C D EP
fino a 2 anni 0,5 0,5 0,5 0,5
3 anni anni 2 1 1 1
4 anni (PEO 211/economica 2015) 3 2 2 2
5 anni 20 16 16 16
6 anni 26 20 20 20
da 7 anni 30 22 22 22

Articolazione del peso dell’anzianità di servizio complessiva

ANZIANITA’ DI SERVIZIO B C D EP
da 0 a 9 anni 7 5 6 da 0 a 6 4
da 10 a 19 anni 14 12 12 da 7 a 12 8
da 20 a 30 18 16 16 da 13 10
da 31 20 18 18

Aventi titolo, n. passaggi, suddivisione fondi PEO 2015

Aventi titolo 2015 Costo unitario Risorse stanziate n. passaggi
Categoria B3 15 1.301,85 6.509,25 5
Categoria B4 10 1.176,05 2.352,10 2
Categoria B5 33 1.227,75 8.594,25 7
Totale Cat. B 58 17.455,60 14
Categoria C1 199 587,76 38.204,40 65
Categoria C2 159 1.235,93 51.909,06 42
Categoria C3 124 1.642,13 47.621,77 29
Categoria C4 62 1.085,43 15.196,02 14
Categoria C5 127 1.129,53 31.626,84 28
Categoria C6 52 1.171,34 12.884,74 11
Totale Cat. C 723 197.442,83 189
Categoria D1 176 1.381,30 63.539,80 46
Categoria D2 199 1.595,36 81.363,36 51
Categoria D3 92 1.945,50 35.019,00 18
Categoria D4 56 1.436,31 15.799,41 11
Categoria D5 100 1.504,91 30.098,20 20
Categoria D6 37 1.566,71 10.966,97 7
Totale Cat. D 660 236.786,74 153
Categoria EP1 12 2.527,88 5.055,76 2
Categoria EP2 91 2.395,62 45.516,78 19
Categoria EP3 17 4.900,68 4.900,68 1
Categoria EP4 6 2.159,56 2.159,56 1
Categoria EP5 6 2.002,95 2.002,95 1
Categoria EP6 2 2.102,72 0,00 0
Totale Cat. EP 134 59.635,73 24
Totale aventi titolo 1575   511.320,90 380

PEO giuridica 2011/economica 2015 suddivisi per posizione economica

Totale passaggi 138

Nelle PEO 2015 quest* lavorat* sono collocati nella posizione economica immediatamente superiore

Categoria B3 0 Categoria C1 16 Categoria D1 14 Categoria EP1 0
Categoria B4 6 Categoria C2 17 Categoria D2 43 Categoria EP2 14
Categoria B5 2 Categoria C3 3 Categoria D3 0 Categoria EP3 0
Categoria C4 7 Categoria D4 0 Categoria EP4 0
Categoria C5 0 Categoria D5 3 Categoria EP5 0
Categoria C6 13 Categoria D6 0 Categoria EP6 0
Totale Cat. B 8 Totale Cat. C 56 Totale Cat. D 60 Totale Cat. EP 14

 

Annunci

Messo il tag:, , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: