Due resoconti al prezzo di uno!!!

di Silvia Pasqua

Causa impegni personali non rimandabili arrivo tardi alla seduta. Seguo però lo streaming che riguarda le comunicazioni e quindi dò conto anche di queste e del dibattito che ne segue.

COMUNICAZIONI

Il Rettore inizia la seduta dando comunicazione di quanto abbiamo ricevuto come FFO e come punti organico per il 2014 (come è noto il tutto ci è stato comunicato negli ultimi giorni del 2014). Se come FFO è andata un po’ meglio del previsto, come punti organico siamo stati penalizzati rispetto ad atenei di pari dimensioni. Il dibattito che ne segue tra i consiglieri evidenzia la necessità di capire meglio quali sono gli indicatori su cui siamo stati penalizzati e quelli su cui siamo stati premiati per poi “ribaltarli” sui dipartimenti nel momento in cui si andranno ad allocare le risorse e i punti organico. Le proposte sono le più varie: il prof. Ferrone propone di guardare la VQR dei dipartimenti e punire quelli con una VQR bassa; il prof. Buchi propone di far togliere il segreto dalle VQR individuali e valutare in base a quelle. Io, davanti la mio micro-schermo rabbrividisco e mi riprometto (come farò) di riprendere il discorso quando arriverò in Consiglio e relazionerò sulla mia Commissione.

COMMISSIONE EDILIZIA (riporto con beneficio di inventario perché non ero presente!!!)

Si approva uno stanziamento iniziale di fondi per la prosecuzione delle attività volte a realizzare l’insediamento universitario in Grugliasco dando mandato agli uffici di reperire circa 1 milione di euro per poter attivare il cofinanziamento presso il Ministero e di trovare soluzioni di più lungo periodo per reperire il resto della somma necessaria (11 milioni di euro, credo) anche attraverso la vendita di immobili di proprietà UniTo non utilizzati. Per il primo lotto, che consentirà di spostare solo una parte delle strutture di via Giuria, servono in totale 33 milioni. Una parte è già disponibile presso il ministero, ma manca la nostra parte di cofinanziamento su cui il Consiglio chiede agli uffici di lavorare.

COMMISSIONE PERSONALE

Comunicazioni: rendo conto dell’avvenuta pubblicazione dei vincitori dell’una tantum (premietto). Sono avanzati circa 70-75.000 euro perchè per alcune fasce/anni il numero dei “premietti” è risultato maggiore del numero delle domande o di domande che superavano la soglia minima. Chiedo che vanga fatta un’analisi per Dipartimenti/Settori Disciplinati delle domande pervenute e dei premi attribuiti per capire se ci sono stati Dipartimenti/Settori Disciplinari sistematicamente penalizzati dalle regole fissate e di capire se i premi non assegnati sono dovuti alla mancanza di domande o alla mancanza dei requisiti minimi di coloro che hanno presentato le domande. Queste informazioni sono fondamentali per capire come dovremo muoverci per la scrittura del regolamento per l’attribuzione degli scatti stipendiali (se quando li sbloccheranno!!) che, come noto, non saranno più automatici ma premiali.

Ne approfitto per dire la mia su quanto avevo sentito dallo streaming nelle comunicazioni. Credo che un solo indicatore (e per di più la VQR) non sia in grado di descrivere bene la situazione di un dipartimento e non possa essere usata come base per l’attribuzione di risorse finanziarie e punti organico ai dipartimenti. Propongo una giornata di studio allargata sui criteri di attribuzione di FFO e punti organico da parte del Ministero e una lavoro con il Presidio di Qualità e con l’Osservatorio della Ricerca per capire come valutare didattica e ricerca in ateneo anche, ma NON SOLO in base ai criteri ministeriali. Tutti concordano (ma ad un mese e mezzo di distanza si è solo organizzato un seminario per il 14 aprile –spero aperto a tutti– ma nessun lavoro al momento è previsto con Presidio e Osservatorio…).

Vengono presentati e approvati il programma Triennale per la Trasparenza e il Piano Triennale anti-Corruzione. Surano chiede che sia coinvolta l’associazione Libera che suggerisce e certifica le pratiche di anticorruzione delle P.A.

Si approva il regolamento per l’attribuzione degli Assegni di Ricerca già approvato dal Senato Accademico. Il Consiglio emenda il testo introducendo l’obbligo di autorizzazione del Consiglio di Dipartimento per l’attività esterna svolta dagli assegnisti, mentre nel testo del SA si prevedeva solo il consenso del docente titolare dell’assegno.

Solite procedure di chiamata e chiamate varie. Da segnalare solo l’anticipo di punti organico al dipartimento di Studi Umanistici per la proroga di un vincitore FIRB in scadenza come RTDa. I punti verranno restituiti sull’assegnazione 2014.  Interessante dire che di 5 RTDa FIRB in scadenza solo 2 sono stati rinnovati con fondi/punti organico dei dipartimenti. Viene anche attivata la procedura per la chiamata diretta di un PA per il dipartimento di Psicologia sui fondi speciali MIUR per studiosi dall’estero/coordinatori di progetti… Il dipartimento pagherà solo il 50% dei punti organico, il Ministero il restante. Se il Ministero non accogliesse la domanda, il dipartimento si impegna a utilizzare suoi punti organico per coprire.

Qualche assunzione /proroga di personale TA su fondi esterni (che quindi non peggiora l’indicatore ISEF).

================================================================================

Seduta del 24 gennaio 2015

Il Rettore propone di conferire (con anticipo rispetto alla scadenza) l’incarico di Direttore Generale di UniTo alla dott.ssa Loredana Segreto, confermandola nel ruolo fino al 13 maggio 2018. Il Consiglio approva.

Il nuovo componente esterno, dott.ssa Caramelli, opta per le commissioni Personale e Bilancio e si procede quindi alla modifica delle composizioni delle due commissioni.

COMMISSIONE EDILIZIA

Sono terminati i lavori di collaudo del CLE.

Si discute della realizzazione del centro di didattica e ricerca congiunto Università-Politecnico di Torino alle “Arcate” (Ex MOI), già anticipato dai giornali (prima ancora delle delibere di UniTo e PoliTo). Prima del Consiglio si era tenuta l’audizione del prof. Ghigo e di una rappresentante del Comune (proprietario dell’area) sul tema. Il Consiglio dà mandato agli uffici e al Rettore di definire i contenuti della convenzione e di aprire un tavolo bilaterale con il Politecnico per capire potenzialità e costi del progetto.

COMMISSIONE STUDENTI

Si approva di rendere pubblici a studenti e docenti di ogni corso di laurea i dati relativi ai all’opinione degli studenti su tutti corsi (oggi ciascuno di noi può vedere solo le valutazioni del proprio corso).

Piccola modifica allo Statuto su una frase riguardante la Scuola di Studi Superiori per permettere alla Scuola di accedere a certi programmi/finanziamenti. Il presidente della Commissione Studenti Surano fa notare che per questa modifica come per altri provvedimenti lo Statuto richiede il parere obbligatorio del Consiglio degli Studenti, ma che spesso ci dimentichiamo di acquisirlo.

COMMISSIONE PERSONALE

Si approva di elevare l’obbligo didattico di PO e PA a 120 ore a partire dall’a.a. 2016/17 (già approvato dal SA). Faccio notare che, essendosi mossa la Commissione Didattica del SA già in gennaio, ossia prima che i dipartimenti avessero approvato il “chi insegna cosa” per l’a.a. 2015-16, forse si poteva già introdurre la novità per il prossimo a.a. facendo risparmiare all’ateneo i soldi per retribuire la didattica di ricercatori o esterni. Peraltro in molti dipartimenti i colleghi PO e PA già oggi insegnano 120 (e a volte anche di più) ore e quindi l’impatto sarebbe stato limitato a poche situazioni. Ma ormai, al 24 febbraio, in effetti è troppo tardi!

Viene discusso a chi attribuire 1,08 punti organico che risultano “avanzati”. La proposta che arriva dal SA è la seguente:

  1. 0,08 per trasformare da part-time a full-time il contratto di un personale TA;
  2. 0,3 per lo slittamento da PA a PO di un vincitore ERC presso il dipartimento di Psicologia. Il progetto ERC non è presso il nostro ateneo ma presso struttura esterna
  3. 0,3 per lo slittamento da PA a PO di un Urologo presso il Dipartimento di Oncologia da porre alla direzione della SCDU di Urologia del San Luigi
  4. 0,2 al dipartimento CPS e 0,2 al dipartimento Studi Umanistici per due slittamenti da RU a PA. I dipartimenti sono quelli che oggi hanno un miglior (più basso) rapporto PO/(PO+PA)

Voto a favore della proposta a). Voto contro (e con me gli studenti) la proposta b) perché la chiamata non è vincolata al portare il progetto ERC in ateneo. Quei punti, infatti, sono “di tutti” essendo un avanzo, e devono andare a beneficio di tutti. Se il progetto fosse portato in ateneo, UniTo ci guadagnerebbe in termini economici (gli overhead andrebbero nelle nostre casse) e di prestigio/indicatori… A quanto pare il progetto in questione non può essere spostato. Mi chiedo se invece potrebbero essere spostati in ateneo i progetti degli altri vincitori ERC a cui si promettono chiamate con le prossime assegnazioni. Qualcuno propone di condizionare le PROSSIME chiamate/slittamenti di vincitori ERC al portare il progetto in ateneo. Per la serie “la legge non è uguale per tutti”.

Voto contro (e con me gli studenti, che forse si astengono) anche alla proposta c). La richiesta del dipartimento di Oncologia viene presentata come un’emergenza, ma in realtà la posizione di direttore della SCDU di Urologia potrebbe (per legge) essere data anche a un PA. Non esiste obbligo che sia un PO. Quindi si potrebbe aspettare a fare lo slittamento con i punti della dotazione del dipartimento, non con i punti “di tutti”. Faccio notare che comunque, anche fosse davvero un’emergenza, in ateneo di emergenze ce ne sono tantissime (visto il calo di personale dovuto al blocco del turnover) e la gestione delle emergenze non può e non DEVE funzionare che accontentiamo chi arriva per primo a chiedere o chi urla più forte. Occorrerebbe una lista di priorità da valutare e decidere su quelle. Ovviamente parole nel vuoto. Tutto passa a maggioranza. Anche sulla proposta d) ho qualcosa da dire: chiedo di mettere in delibera che i dipartimenti che sono stati premiati a questo giro per il più basso rapporto PO/(PO+PA) siano esclusi dalle prossime attribuzioni di premi. Infatti dare a loro un PA in più migliora ulteriormente il rapporto e quindi saranno anche al prossimo giro quelli con il miglior rapporto! Lo dice la matematica!

Qualche chiamata di RTDa e proroga RTDa.

COMMISSIONE BILANCIO

Approviamo lo schema tipo per i piani triennali dei dipartimenti.

Approviamo la proposta del SA circa i Corsi di Studio e Dipartimenti per l’accreditamento periodico.

Approviamo il progetto “Innovazione, comunicazione, e competitività” nell’ambito della convezione San Paolo, ossia in poche parole #hackUniTO 2015 e #hUb dell’Innovazione e Incubatrice per l’imprenditorialità Creativa e Culturale per un totale di 185.000 euro. Prendo la palla al balzo per chiedere un bilancio di #hackUniTO 2014. Mi viene detto che già ce lo hanno mostrato. In effetti qualche giorno dopo mi viene mandato un prospettino con i costi, assai poco dettagliato, per nulla informativo e incompleto. Per esempio non compaiono i costi del personale interno e esterno direttamente impegnato sul progetto. Dal prospetto che mi è stato dato emerge comunque come, su un totale di 176.000 euro, solo 59.000 siano andati (o andranno) a finanziare i progetti. Il resto ha pagato l’organizzazione dell’evento (39.000 euro), attività di comunicazione e disseminazione (27.000 euro), sviluppo piattaforma software (34.000 euro), interventi di adeguamento al CLE e alla palazzina Einaudi (17.000 euro). E mancano ancora le spese del personale… Certo, ha pagato Compagnia di San Paolo, ma quei soldi avrebbero potuto essere usati per scopi più “produttivi”?

Annunci

Messo il tag:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: