La democrazia non è una tantum

Comunque la si pensi, il fatto che il Rettore abbia deciso di sottoporre a consultazione il Regolamento per l’attribuzione dell’incentivo una tantum rappresenta una vittoria di tutti coloro che ritengono che la democrazia in Ateneo non sia una possibilità, ma una condizione essenziale per una reale condivisione dei processi decisionali e per la costruzione di un consenso vero.

La scelta di Gianmaria Ajani, da questo punto di vista, appare del tutto condivisibile e va nella direzione auspicata dal Coordinamento, indipendentemente dal contesto specifico dell’incentivo e di come alla fine si esprimeranno i colleghi. Nella mail che è stata inviata è scritto: “Quale datore di lavoro, qualifica che inerisce alla funzione di Rettore, ritengo infatti opportuno ricevere dai Colleghi che hanno patito il congelamento degli scatti stipendiali per gli anni 2011, 2012, 2013 un parere relativamente ai principi che dovranno ispirare il regolamento di ridestinazione degli stessi sulla base di una valutazione di merito”.

Oltre la giustificazione normativa che sostiene tale decisione, è del tutto evidente che attraverso questa consultazione ha trovato applicazione il principio che ciò che è di interesse collettivo nella nostra Università non può, anzi non deve, essere lasciato all’assoluta discrezionalità degli organi di Ateneo. Il che, sia chiaro, non significa che si debba costruire un ulteriore livello decisionale, che Senato o Cda debbano essere limitati nei loro poteri, bensì che un governo che voglia essere davvero autorevole e riconosciuto ha il profondo bisogno di coinvolgere la comunità, di sentire le opinioni e di tenerle in attenta considerazione, ma soprattutto che l’assenza di un vincolo di mandato non può in alcun modo trasformarsi in una totale autoreferenzialità. Le decisioni sono prima di tutto il riflesso del dibattito e della discussione, prima di ogni logica di maggioranza e minoranza (e a insegnarlo non sono stati i bolscevichi, ma la tradizione del pensiero liberale). E di questo – in un blog che non è mai stato tenero con il governo del nostro Ateneo – bisogna dare atto al Rettore.

La commissione Programmazione e Organico del Coordinamento UniTo

Annunci

Messo il tag:, , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: