Qualche chicca sul CdA del 28 Gennaio 2014

Poco da segnalare sul CdA del 28 gennaio, tranne un paio di chicche.

1)      Ci è stato comunicata la somma dell’FFO del 2012. Siamo andati bene con gli indicatori e quindi abbiamo subito un taglio SOLO del 4%!! In realtà secondo il gioco a punti degli indicatori avevamo vinto un -3.3%, ma poi a nessun ateneo poteva scendere sotto il -5% e quindi hanno riaggiustato e noi siamo scesi un pochino. Ma se già vi state strappando i capelli aspettate… Il taglio è decisamente maggiore perché nell’FFO ci hanno messo anche i soldi per il Piano Straordinario Associati (che dovevano essere pagati a parte) e pare altre voci (il Direttore Generale dott.ssa Segreto doveva ancora capire quali) e quindi il taglio REALE è senz’altro maggiore…

2)      Entro febbraio bisogna mandare al Ministero il progetto per accaparrarsi un “premietto” in termini di FFO… Ne avevano già parlato… il famoso Decreto Carrozza. Ormai fare il bilancio dell’ateneo è un po’ come giocare ad un gioco di società con premi e punizioni. Bisognerà vigilare che non vengano inserite in questo progetto iniziative che vanno nella direzione opposta di una università libera e pubblica. E siccome il decreto incentiva proprio in quella direzione, la tentazione è forte….

3)      Si è discusso di indicatori strategici (quelli legati alle Linee Guida) e, anche se non era di nostra competenza, di indicatori della performance di Direttore generale e Dirigenti. In più consiglieri abbiamo chiesto che questi fossero precisi e misurabili per valutare davvero il lavoro della Dirigenza.

4)      Si è discusso di piano energetico. Spendiamo una marea di soldi per illuminare, scaldare e raffreddare il nostro Ateneo. Siamo sugli 8 milioni di euro, di cui 1 per il CLE.

Abbiamo approvato un piano di azioni che di fatto si basa sulla nostra buona volontà e sui comportamenti virtuosi e poco altro per il momento. Si è discusso di come incentivare questi comportamenti virtuosi, ma tutto appare più facile a dirsi che a farsi perché possiamo anche chiudere le finestre d’inverno, ma se gli infissi cadono a pezzi e passa l’aria… che ci possiamo fare?

Abbiamo però scoperto che abbiamo / avevamo un Energy Manager…. Chissà dov’era quando la CLE sul tetto mettevano la tele invece dei pannelli solari o quando centralizzavano completamente l’impianto di riscaldamento e raffreddamento degli uffici per cui in estate le stanze vuote sono comunque fredde…

5)      Per i dettagli sugli altri provvedimenti, andate a questo link

Alla prossima,

Silvia

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: