Resoconto prima seduta nuovo CdA – 24 ottobre 2013

La prima seduta del nuovo CdA si è riunita il 24 ottobre in diretta streaming. Il CdA è composto, per chi non lo ricordasse, da 11 persone, 3 esterni (Parigi del Circolo dei Lettori; Bolatto della Camera di Commercio e Zangola dell’Unione Industriale) nominati dal Rettore (non seguendo le preferenze espresse dalla consultazione), 2 studenti, 5 docenti e il Rettore.

ODG della seduta:

1 – Comunicazioni
a) sono stati presentati i Revisori dei Conti
b) sono stati presentati i nuovi 8 vice-rettori (Aime, Bussolino, Rossi per la ricerca; Bortolani, Marello per la didattica e internazionalizzazione; Ghigo per i rapporti con il Servizio Sanitario nazionale; Biolatti per l’ Edilizia, Scamuzzi per la Comunicazione)
c) si informa che nei prossimi CdA si dovrà riconfermare la convenzione con la Compagnia San Paolo.

2 – Commissioni
Il Regolamento di funzionamento del CdA prevede la costituzione di 4 commissioni permanenti (Bilancio, Personale e organizzazione, Studenti, Edilizia). Ciascun consigliere deve optare per almeno due commissioni. Il Rettore propone che, in una prima fase, tutti optino per andare in tutte le commissioni in modo da impostare il lavoro nel modo più condiviso possibile. In seguito ciascuno potrà togliersi (se lo vorrà) da due commissioni. Tutti i consiglieri accettano.

3 – Piano Strategico
Il Rettore presenta il Piano Strategico, già presentato in Senato Accademico. In realtà si tratta di uno schema generale ancora da riempire con gli obiettivi specifici che saranno definiti nei prossimi giorni con le commissioni del SA, con le commissioni del CdA e con i feedback che arriveranno dai Direttori dei Dipartimenti a cui il piano è stato presentato il 22 ottobre.
Io ho fatto un intervento esclusivamente sul cosiddetto “decreto Carrozza” in base al quale fino al 2,5% dell’ FFO dell’ateneo può essere dato come finanziamento di “progetti” approvati dal ministero. Ho di fatto riportato quello che era il risultato della riunione con i nostri rappresentanti nelle commissioni del SA (riunione di martedì 22). I punti sostanziali sono:
– contrarietà alla linea di intervento che riguarda la razionalizzazione di corsi (abbiamo già dato con l’AVA) e sedi (non riusciamo a pensare ad un progetto in tal senso in 45 giorni); no anche alla trasformazione di corsi in istruzione tecnica superiore)
– bene invece se optiamo per l’internazionalizzazione
– sui progetti che prevedano procedure di reclutamento con membri delle commissioni provenienti dall’estero e aumento della quota del 20% di chiamate di esterni ho espresso seri dubbi. Sull’aumento della quota del 20% di esterni si pone infatti in un grosso problema rispetto al gran numero di precari che si vedrebbero di fatto tagliati fuori. Ho evidenziato come molti di questi colleghi vengono già da fuori (e si sono mossi in occasione dell’assegno di ricerca, del contratto..), ma per le regole sono oggi considerati come interni. Sulla presenza di membri esterni nelle commissioni credo sia la solita idea che conta più la forma della sostanza: dato che i dipartimenti sono valutati per i loro risultati (con la VQR), allora saranno interessati a reclutare la gente migliore e si sceglieranno delle commissioni che garantiscano questo risultato. Ho chiesto al Rettore di farsi portavoce presso la CRUI e il Ministero dell’impossibilità di vincolare sia gli input (il reclutamento), sia i processi “produttivi”, sia gli output… Ci dicano cosa vogliono da noi e poi ci lascino decidere come raggiungere gli obiettivi. Oppure ci dicano come dobbiamo fare le cose, ma poi non ci penalizzino se non otteniamo i risultati attesi (perché sarebbe responsabilità loro!!!).
-per quanto riguarda i servizi agli studenti occorre pensare a progetti per ridurre l’abbandono che ancora colpisce il nostro ateneo. Su questo mi è sembrato ci sia l’intento a lavorarci.

4 – Chiamata di Professori e Ricercatori
Sono state approvate le chiamate di professori e ricercatori vincitori di concorso.
Ho chiesto se c’erano notizie sul come considerare la fine dei 3 anni di contratti da RTD tipo a). Infatti se sono considerate cessazioni subiscono il taglio del turnover (ossia possiamo la rinnovare solo il 50% dei contratti). E’ uscito un nuovo decreto (che ho ma non ho ancora letto) da cui sembra che non entrino nel turnover (più notizie su questo dopo la commissione Personale di lunedì 28!)

5 – Ratifica decreti d’urgenza
a) Il Dipartimento di “Filosofia e Scienze dell’Educazione” vorrebbe far partire un nuovo corso di specializzazione per formare insegnati di sostegno. 60 CFU per un costo di 2900 euro più 100 euro per il test d’ammissione. La studentessa Stella De Luca sottolinea che il test d’ingresso con questi costi non ha senso e chiede di vedere il contratto stipulato con l’azienda che “produce” il test per capire quanto costa realmente. Non solo, ma chiede anche di vedere un budget di previsione per capire le ragioni di una tassa di iscrizione al corso così elevata. Il Rettore, non avendo a disposizione i dati richiesti, propone di rimandare la decisione alla prossima seduta.
b) La congregazione “Secretariat du group des Etats d’Afrique, des Caraibes et du Pacifique” propone un accordo per un progetto in cui il contributo dell’Ateneo sarebbe solo in termini di ore di lavoro dei docenti. Il progetto è uno scambio di conoscenze su tecniche agro-zooalimentari e di lotta alla povertà. Approviamo.

6 – Varie
viene presentato il progetto PAP (Piano di Azioni Positive) presentato dal CUG (Comitato Unico di Garanzia). Un bel progetto in cui ci sono molte idee di iniziative contro la discriminazione in ogni sua forma e per aiutare i soggetti in difficoltà nell’ateneo. Sottolineo quindi la necessità di individuare risorse economiche e umane da investire su questo capitolo. Ho anche fatto notare come la seguente tabella (prodotta dal CUG) dica molto sul personale docente, dove le donne appaiono più presenti nelle fasce più basse della docenza, ma sembra mascherare un po’ la situazione per quanto riguarda il personale TA. Infatti, se è vero che ci sono 6 dirigenti uomini e 5 donne, le donne TA in ateneo sono 1192, mentre gli uomini solo 589 e quindi l’incidenza dei dirigenti sul totale del personale è quasi doppia per gli uomini rispetto alle donne.

tabella cug

Qui lo streaming viene chiuso e si passa alla riunioni delle varie commissioni che devono eleggere i loro presidenti. In realtà nessuno si muove perché si è deciso che tutti stanno in tutte le commissioni.
– Candidati per la commissione Bilancio: Giacomo Buchi. Votazione: 9 per lui, 2 bianche;
– Candidati per la commissione Personale e Organizzazione: Silvia Pasqua. Votazione: 9 per lei, 2 bianche;
– Candidati per la commissione Studenti: Francesco Surano (studente), Vincenzo Ferrone. Votazione: 9 per Surano, 2 per Ferrone;
– Candidati per la commissione Edilizia: Giamello. Votazione: 10 per lui, bianche 1.

Abbiamo finito. Lunedì e martedì commissioni in vista del prossimo Cda del 6 novembre!
Al prossimo resoconto!
Silvia

Annunci

Messo il tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: