Resoconto “di parte” della riunione informale del CdA – 1/10/2013

Il giorno dell’insediamento del nuovo Rettore è stata convocata una riunione congiunta del vecchio CdA e dei membri interni del nuovo CdA per un simbolico passaggio di consegne. Il nuovo CdA si insedierà formalmente il 25 ottobre (data della prima riunione) in quanto i membri esterni sono, da Statuto, scelti dal Rettore sentito il Senato Accademico (il prossimo SA sarà il 21 ottobre).

Alla riunione si è comunque disegnato il percorso di lavoro per i prossimi mesi. Il Rettore dovrà definire le Linee strategiche per i prossimi 3 anni e, entro fine anno, dovrà anche essere approvato il Bilancio di previsione. Il tutto complicato dal decreto emanato dal Ministro Carrozza sabato 31 settembre (sic!) e già circolato in lista, in cui si invitano gli atenei a presentare progetti di accorpamento di sedi, riduzione o rimodulazione di corsi di laurea, miglioramento dei servizi agli studenti, internazionalizzazione e sviluppo della ricerca per un budget massimo pari al 2,5% dell’FFO. La sensazione è che, siccome l’ammontare dell’FFO totale distribuito agli atenei non aumenterà, il decreto introduca di fatto una parte premiale nella distribuzione dell’FFO. I progetti devono essere presentati dall’Ateneo entro 45 gg. Siamo di nuovo a rincorrere le scadenze… Sottolineo anche che il progetti vincitori (quanti? in base a quali criteri? …non si sa) saranno poi monitorati e chi non ha raggiunto gli obiettivi dovrà restituire i soldi spesi…

Il Rettore ha precisato che dati i tempi stretti e la mole di carta da scrivere, non ritiene possibile mettere in moto un vero processo di condivisione. I passaggi che propone saranno pertanto i seguenti:

–          presentazione delle Linee strategiche (che includeranno il progetto per accaparrarsi il bonus FFO) al SA del 21 ottobre

–          presentazione delle Linee strategiche ai Direttori di Dipartimento il 23 ottobre

–          presentazione delle Linee strategiche al CdA  il 25 ottobre

L’approvazione finale dei progetti deve avvenire nella prima metà di novembre. Poi si passerà al Bilancio di previsione.

Credo che dovremmo fare in modo che un minimo di condivisione venga subito garantita, chiedendo ai Direttori di Dipartimento e/o ai Rappresentati d’Area di presentare le Linee strategiche ai colleghi e di farsi portavoce in SA delle istanze che emergeranno. Ma credo che sia comunque necessario pensare in tempi brevi ad una conferenza di ateneo che permetta una discussione collettiva sul futuro del nostro ateneo, e sulle priorità che si ritiene di perseguire.

Altro argomento trattato la questione dello streaming delle sedute su argomenti “sensibili” e strategici per l’Ateneo (quando si parla di persone è già prevista, come per il SA la sospensione della diretta streaming). In realtà trattasi di fatto di una non-questione, essendo il regolamento di funzionamento del CdA molto chiaro a tal proposto, circoscrivendo nettamente la procedura e le motivazioni per l’esclusione dello streaming da parte del Rettore: “Le sedute del Consiglio di Amministrazione sono rese pubbliche in diretta per il tramite degli strumenti multimediali in uso presso l’Ateneo. Si darà notizia delle modalità adottate all’atto della convocazione. Per motivate ragioni di opportunità e in ogni caso per esigenze di tutela della riservatezza, il Rettore può decidere di non rendere pubblica l’intera seduta o parti di essa. In tale caso dovrà indicare le motivazioni all’atto della convocazione” (art. 4).

Infine, il Rettore ha preannunciato la nascita di un gruppo di lavoro per la semplificazione dello Statuto. Bene! Sarà l’occasione per riproporre con forza l’elezione (vera) del CdA e una revisione del meccanismo di rappresentanza delle aree in SA, così come già ribadito nei famosi 10 punti per i candidati alle cariche dell’ateneo.

Silvia Pasqua

Annunci

Messo il tag:, , ,

One thought on “Resoconto “di parte” della riunione informale del CdA – 1/10/2013

  1. […] anche all’Università di Torino la pratica della diffusione dei resoconti delle sedute di CdA. Con il nuovo Rettore appena eletto anche all’Università si comincia a parlare di linee […]

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: